GONFIORE ADDOMINALE - CAUSE E RIMEDI -

Parliamo di gonfiore, quel fastidioso stato fisico che ci rende vulnerabili e irritabili perchè.... non ci vediamo! Quante volte succede questo nelle nostre vite?? tante tante volte ma semplicemente perchè siamo umane.

Il gonfiore addominale in realtà può avere molte cause diverse tra loro, in quanto è un sintomo di diversi tipi di problemi, solitamente associati all’apparato digerente. Ma spesso questo fenomeno è facilmente risolvibile!


Sapete che l’intestino viene chiamato anche “Secondo Cervello”?

Il cervello si avvale dell'intestino quale alleato prezioso per svolgere le sue funzioni ed è molto importante capire che il benessere intestinale (così come quello mentale) si ripercuote anche sul resto del corpo. I “due cervelli” si influenzano reciprocamente, determinando il nostro stato di benessere psico-fisico. Per esempio, stati di stress mentali e pensieri negativi attivano i circuiti dell’ansia e della paura provocando aumento della motilità intestinale, rilascio di citochine, aumento della sensibilità e infiammazione della mucosa intestinale. Ciò può determinare, per esempio, l’insorgenza della sindrome del colon irritabile o della malattia infiammatoria intestinale. D’altro canto, stati di flogosi (infiammazione) intestinale possono provocare una carenza di serotonina (ormone del buonumore) a livello del sistema nervoso centrale, con insorgenza di depressione.

È importante sapere che la mucosa intestinale è poi dotata di un vero e proprio sistema immunitario. Particolarmente utile a questo scopo è la flora batterica (microbiota), si tratta di microrganismi di diverse specie che devono essere in giusto equilibrio e proporzioni fra di loro per garantire benessere al nostro corpo, in caso contrario prendono il sopravvento batteri e lieviti “cattivi” che fanno comparire tutta una serie di patologie e disturbi al tratto gastrointestinale e non solo.

Negli ultimi anni le ricerche scientifiche hanno capito che il ruolo del microbiota intestinale è di fondamentale importanza per la nostra salute perché si occupa di diverse cose: regola la digestione dei cibi e l’assorbimento dei nutrienti fondamentali, difende dagli agenti patogeni, produce ormoni ed è costantemente in contatto con il sistema nervoso centrale.

Prendersi cura del nostro intestino è quindi necessario per il benessere generale dell’organismo.

In primo luogo è importante ALIMENTARSI BENE; seguire quindi un’alimentazione sana ed equilibrata ricca di frutta, verdura, legumi e cereali integrali. Bisogna inoltre limitare gli zuccheri raffinati il sale e l’alcool e, se necessario, assumere integratori di prebiotici e probiotici (fermenti lattici) per aiutare l’intestino a ripopolarsi di flora batterica buona.

Anche idratarsi bene è importante per il benessere dell’intestino e non solo. Dimenticando di bere rendiamo molto più difficile il transito intestinale, andando addirittura a provocare situazioni di stipsi.

L’attività fisica fa bene a tutto il nostro corpo, intestino compreso, sia a livello fisico, dato che migliora la circolazione e aiuta la regolare motilità intestinale, sia a livello mentale dato che permette di scaricare le tensioni e lo stress accumulato durante le attività quotidiane.



ti rimando a questo mio articolo riguardo alla pancia piatta.

analizziamo le possibili cause

  • Alimentazione scorretta. l'equilibrio è LA CHIAVE. Un pasto troppo abbondante, un eccesso o una carenza di fibre; una mancanza o carenza di prebiotici; un eccesso di zuccheri, bevande gassate, alimenti lievitati o contenenti molto lievito.,un abuso di sostanze irritanti (ad esempio alimenti contenenti caffeina, teina, capsaicina, alcool…), sono tutte possibili cause di gonfiore addominale.
  • Ansia/stress. L’intestino condivide con il cervello una parte dei recettori nervosi ed endocrini, che lo porta pertanto a reagire in maniera analoga al cervello in risposta agli stessi stimoli. Questo significa che gli stati emotivi possono influire enormemente sull’equilibrio e soprattutto la funzionalità ( come suggeriva anche la nutrizionista Silene).
  • Fenomeni fisiologici..Avete mangiato alimenti che solitamente non mangiate, o avete mangiato più del solito? e quindi non è un problema di accumulo di gas, bensì di accumulo di cibo). Altre possibili cause possono essere dovute a normali cicli ormonali: Avete fatto caso se vi trovate in sindrome premestruale, ciclo mestruale e menopausa? anche la amenorrea in questo caso è da considerare causa possibile di gonfiore... talvolta Coccobelle si tratta anche di sovrappeso o più semplicemente grasso/ adipe. Ognuno di noi accumula in zone diverse...guardate me!
  • Intolleranze alimentari. Molto meno comuni di quanto si possa immaginare, sono pochi in realtà i tipi di intolleranza alimentare realmente riconosciuti dalla medicina moderna. Tra queste, spiccano celiachia (o anche la sensibilità al glutine, molto meno grave), favismo e soprattutto l’intolleranza al lattosio. Rivolgetevi al vostro medico di base che saprà indicarvi gli esami del caso da fare.
  • problematiche piu serie.

analizziamo i possibili rimedi

  1. Alimentazione. provate ad annotarvi cosa mangiate nell'arco della giornata e a provare ad individuare se ci sono determinati alimenti che vi danno problemi. Siate sincere a riguardo! Valutate se mangiate troppo, troppo poco, se l’apporto di fibre è corretto, ecc... Vi succede con carboidrati? Grassi? proteine ? Latte? ogni tanto , sempre ?....
  2. Attività fisica. L’attività fisica può contribuire a velocizzare i processi digestivi, pertanto, se siete già persone piuttosto attive, continuate semplicemente con la vostra routine settimanale. Se però svolgete una vita estremamente sedentaria, questo potrebbe essere lo stimolo giusto per iniziare a prendervi cura di voi. Basta davvero poco: una passeggiata al giorno, 30 minuti per 5-6 volte a settimana, può essere davvero un ottimo inizio.
  3. Integrazione. Prendetevi cura della vostra flora intestinale, aiutandovi con PROBIOTICI e ENZIMI DIGESTIVI ( potete acquistarli da questi link . Insieme agli integratori di fermenti potreste pensare di provare anche qualche rimedio naturale: carbone vegetale, infusi a base di semi di finocchio o zenzero. https://www.fitbakery.it/blog/il-potere-delle-spezie-zenzero-riduce-le-adiposita-addominali/.
  4. Medico. Per tutti gli altri casi o se tutti questi suggerimenti non dovessero avere effetto, vi suggerisco caldamente di rivolgervi al vostro medico di base, che potrà suggerirvi come muovervi!